domenica 12 gennaio 2014

COMUNICAZIONE da ALBO PRETORIO - COMUNE DI BRISIGHELLA

Segnaliamo che il Comune di Brisighella, in adempimento agli obblighi di Legge, ha pubblicato sull'Albo Pretorio la disposizione di Tutela dell'area di Monte Romano (Brisighella) formulata dalla Soprintendenza. Potete quindi prendere visione del documento e della Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana al link indicato alla voce documento (da noi duplicato su spazio web indipendente).

Albo Pretorio
Dettaglio pubblicazione
Numero Pubblicazione
3
Anno Pubblicazione
2014
Mittente
Comune Di Brisighella
Tipo Atto
Comunicato
Registro Generale
0
Oggetto Atto
LOCALITA' MONTE ROMANO. DICHIARAZIONE DI INTERESSE PUBBLICO AI SENSI DELL'ART. 136, COMMA 1, LETT. C) E D) DEL D.LGS 42/2004 E S.M.I. COMUNICAZIONE AI SENSI DELL'ART. 140 DEL D.LGS 42/2004 E s.m.i.
Data Atto
Data Inizio Pubblicazione
07/01/2014
Data Fine Pubblicazione
07/04/2014
Documento
File Documento -MONTE ROMANO GIUSTO.pdf

martedì 10 dicembre 2013

Monte Romano : dichiarazione di notevole interesse pubblico dell'area



COMUNICATO UFFICIALE                

Dichiarazione di notevole interesse pubblico dell'area sita in localita' Monte Romano, nel comune di Brisighella. (13A09835) (GU Serie Generale n.288 del 9-12-2013) 



La Direzione regionale  per  i  beni  culturali  e  paesaggistici
dell'Emilia-Romagna avvisa che in  data  7  novembre  2013  e'  stato
adottato il provvedimento di dichiarazione  di  notevole  interesse
pubblico dell'area sita in localita' di Monte Romano, nel  comune  di
Brisighella (Ravenna). 

    Il decreto del direttore regionale con i seguenti allegati che ne
costituiscono parte integrante: 

      A. Descrizione dei confini; 
      B. Relazione  descrittiva  delle  peculiarita'  paesaggistiche
         dell'ambito di tutela; 
      C. Cartografie di individuazione e di analisi (n. 5 tavole); 
      D. Documentazione fotografica; 
      E. Disciplina di Tutela e prescrizioni d'uso, 

sono consultabili nel sito www.emiliaromagna.beniculturali.it


venerdì 25 ottobre 2013

TAR Emilia-Romagna RESPINGE il ricorso delle Pro Eolico !

stupendo effetto naturale:
un osservatorio con aureola! :-)
Abbiamo appena ricevuto la notizia dall'avvocato DONATI (Studio Angelucci-Donati di Bologna) che abbiamo incaricato di tutelare gli interessi dell'Osservatorio nell'ambito del ricorso al TAR intentato dalla società Pro Eolico che intendeva installare ben tre torri alte oltre 75 metri sul crinale di Monte Romano nelle immediate vicinanze ed in evidente sfregio della visuale dell'Osservatorio (che di tale fondamentale prerogativa necessita per svolgere la propria attività!) e della panoramica complessiva percepibile dal sito.

Dopo una lunga discussione, la Camera di Consiglio ha infine deciso di respingere la sospensiva. Il Tribunale ha quindi RIGETTATO la richiesta che intendeva annullare le decisioni assunte ed i pareri espressi da Provincia di Ravenna, Regione Emilia Romagna, Soprintendenza dei Beni Culturali e Paesaggistici e Consiglio dei Ministri.
Adesso bisognerà attendere il deposito delle motivazioni di merito che il TAR di solito fissa in tempi medio lunghi.

Nel frattempo aspetteremo di le decisioni del ministero dei beni culturali e paesaggistici che entro il 15/11 dovrebbe stabilire se porre l'ulteriore vincolo proposto (in completa indipendenza ed autonomia) dalla Soprintendenza a tutela del paesaggio e questa volta ANCHE in modo esplicito 
(quanto da noi inaspettato!) dell'osservatorio in quanto citato e quindi indicato come elemento di valorizzazione di Monte Romano e di completa percezione del sito panoramico. 

Questo atto pubblico sarebbe veramente di grande importanza per la futura tranquillità dell'Osservatorio che, tra l'altro, ancora attende risposte in merito alla propria richiesta di tutela contro l'inquinamento luminoso come prevede una legge regionale "per il risparmio energetico e la difesa delle strutture di ricerca, divulgazione e didattica astronomica".
la nebbia "annuvolata"
ai piedi dell'osservatorio!

E' inoltre deprecabile che siano state diffuse informazioni tendenziose e non corrispondenti al reale contenuto del provvedimento di tutela con il chiaro intento di fomentare la popolazione locale CONTRO la presenza dell'osservatorio astronomico che però, fino a quando non esisteva la speculazione eolica, era da tutti lodato, apprezzato e sostenuto con orgoglio.

Poichè la struttura non ha mai pesato sulla comunità locale, anzi ne ha favorite sicuramente alcune specifiche attività (turistiche e di ristorazione senza ombra di dubbio), è auspicabile che la sentenza del TAR riporti al buon senso e al senso civico tutti coloro che ne avevano perso l'orientamento respirando effluvi non troppo sani di speculazione economica a danno della stessa comunità locale (poichè gli impianti non avrebbero reso ciò che si andava dicendo e nessuno avrebbe garantito in merito mentre il costo degli incentivi sarebbe pesato sulle bollette energetiche di tutti).

Che sia finalmente vicina la cessazione definitiva di questa follia devastante?
La nebbia insiste mentre il Sole, imperterrito sale...

Le straordinarie immagini dello spettacolo quotidiano a Monte Romano...

24 Ottobre 2013 :
"... e la nebbia,
 all'improvviso,
 si diradò
squarciandosi
e lasciando colpire l'osservatorio
da fendenti di luce solare! (R.B.)"

Intanto divulghiamo il documento del TAR :





REPUBBLICA ITALIANA
Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna
(Sezione Seconda)
ha pronunciato la presente
ORDINANZA
sul ricorso numero di registro generale 321 del 2013, integrato da motivi aggiunti, proposto da:


Societa' Pro Eolico S.r.l., rappresentato e difeso dagli avv. Mario Bucello, Simona Viola, Alessandro Martini, con domicilio eletto presso Alessandro Martini in Bologna, via Dè Marchi, 4/2;


contro
Ministero Per i Beni e Le Attivita' Culturali, Soprintendenza Beni Architettonici e Paesaggistici Prov. Ravenna, Ferrara, Forlì Cesena, Rimini, Soprintendenza Beni Archeologici Emilia Romagna, Presidenza del Consiglio dei Ministri, rappresentati e difesi per legge dall'Avvocatura Distr.le Dello Stato, domiciliata in Bologna, via Guido Reni 4; Provincia di Ravenna, rappresentato e difeso dagli avv. Franco Mastragostino, Maria Chiara Lista, con domicilio eletto presso Maria Chiara Lista in Bologna, p.zza Aldrovandi 3; Regione Emilia Romagna, Comune di Brisighella, Unione della Romagna Faentina, Arpa Sez. Prov.Le di Ravenna, Ausl di Ravenna, Ministero della Difesa, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Enac - Ente Nazionale Per L'Aviazione Civile, Enav Spa - Ente Nazionale Assistenza al Volo, Provincia di Forli' - Cesena, Ministero dello Sviluppo Economico, Autorita' Bacini Regionali Romagnoli, Servizio Tecnico di Bacino Fiumi Romagnoli, Consorzio Bonifica della Romagna Occidentale, Provincia di Firenze, Osservatorio di Monteromano, Consiglio dei Ministri; Osservatorio di Monteromano - Gruppo Astrofili Antares, rappresentato e difeso dall'avv. Paolo Donati, con domicilio eletto presso Paolo Donati in Bologna, via Caprarie 7; 
per l'annullamento
previa sospensione dell'efficacia,
del provvedimento della Provincia di Ravenna - Settore Ambiente e Territorio, prot.29753 in data 25.03.2013, avente ad oggetto "Autorizzazione Unica per la installazione di tre aerogeneratori di potenza complessiva da 2,4 Mw denominato Parco Eolico di Monte Romano da realizzare in Comune di Brisighella località Monte Romano;
del provvedimento della Provincia di Ravenna - Settore Ambiente e Territorio prot.n.22463 del 5.03.2013;
nonchè di ogni altro atto presupposto, antecedente, consequenziale e comunque connesso;


Visti il ricorso, i motivi aggiunti e i relativi allegati;
Visti gli atti di costituzione in giudizio di Ministero Per i Beni e Le Attivita' Culturali e di Provincia di Ravenna e di Osservatorio di Monteromano - Gruppo Astrofili Antares e di Soprintendenza Beni Architettonici e Paesaggistici Prov. Ravenna, Ferrara, Forlì Cesena, Rimini e di Soprintendenza Beni Archeologici Emilia Romagna e di Presidenza del Consiglio dei Ministri;
Vista la domanda di sospensione dell'esecuzione del provvedimento impugnato, presentata in via incidentale dalla parte ricorrente;
Visto l'art. 55 cod. proc. amm.;
Visti tutti gli atti della causa;
Relatore nella camera di consiglio del giorno 24 ottobre 2013 il dott. Bruno Lelli e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;


Considerato che non emergono i presupposti per la tutela cautelare, tenuto conto, del vincolo imposto alla cultura arborea, della conferma da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri del dissenso espresso dalla Sovrintendenza di Ravenna in sede di conferenza dei servizi, della discrezionalità dei giudizi da questa espressi, sia del carattere vincolato del provvedimento della Provincia.
Tenuto conto delle caratteristiche complessive della controversia e del carattere interpretativo della stessa, sussistono ragioni per compensare fra le parti le spese della presente fase cautelare.
P.Q.M.
Il Tribunale Amministrativo Regionale per l'Emilia Romagna (Sezione Seconda)
Rigetta l’istanza cautelare.
Spese compensate.
La presente ordinanza sarà eseguita dall'Amministrazione ed è depositata presso la segreteria del tribunale che provvederà a darne comunicazione alle parti.
Così deciso in Bologna nella camera di consiglio del giorno 24 ottobre 2013 con l'intervento dei magistrati:
Giancarlo Mozzarelli, Presidente
Bruno Lelli, Consigliere, Estensore
Umberto Giovannini, Consigliere






L'ESTENSORE

IL PRESIDENTE












DEPOSITATA IN SEGRETERIA
Il 24/10/2013
IL SEGRETARIO
(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)




lunedì 30 settembre 2013

Le immagini che valgono più di 1000 parole !

A volte più di 1000 parole bastano alcune immagini a spiegare la bellezza di Monteromano nel comune di Brisighella, dei suoi paesaggi mozzafiato, degli scenari che la Soprintendenza vuole giustamente difendere dalle speculazioni di pochi investitori pronti a guadagnare qualche euro sfregiando il paesaggio della comunità.

Ieri mi trovavo all'Osservatorio, e la stagione autunnale mi ha dato la possibilità di fare scatti, proprio là dove si vuole trasformare l'altopiano di Monte Romano di Brisighella in una selva di pale eoliche. Ditemi voi, ma ne vale proprio la pena? Siamo disposti a rinunciare a queste meraviglie solo perchè un manipolo di "imprenditori" vuole trarre vantaggio dagli incentivi, anche se la zona sappiamo bene, non è adatta a produrre energia elettrica dal vento, a causa delle turbolenze?


Se questo paesaggio è bene comune, noi ci aspettiamo che sia proprio il Comune di Brisighella a fare la sua parte, a proteggere ciò che di più bello ha, ma purtroppo siamo qui a scrivervi proprio perchè i nostri paesaggi, sanciti dalla stessa Costituzione Italiana come da difendere, sembrano debbano cadere per il privilegio di pochi...





Nelle ultime due foto immaginate che, al posto di quel palo alla sinistra dell'osservatorio, andrebbero (secondo un progetto allucinante!) ben DUE turbine eoliche, alte una volta e mezzo di più di questa torre anemometrica! :(

Se possibile fate sapere al Comune di Brisighella che non siete d'accordo, che si rendano conto del patrimonio naturale e paesaggistico che hanno, e che forse hanno dimenticato di avere...




Foto : (29-09-2013) ENRICO MONTANARI (Gruppo Astrofili Antares - Osservatorio Astronomico di Monte Romano)

martedì 10 settembre 2013

in risposta agli articoli di stampa del 7 Settembre 2013 (IL RESTO DEL CARLINO)

COMUNICATO STAMPA 2013-09-09
Il Presidente del Gruppo Astrofili Antares
in risposta agli articoli di stampa pubblicati su
IL RESTO DEL CARLINO - RAVENNA
di Sabato 07/09/2013

Si invita alla diffusione e pubblicazione


La querelle sull’eolico a Monteromano è ben lontana dall’essere giunta al capolinea. 

Nonostante il parere favorevole della Commissione Regionale per il Paesaggio alla proposta di tutela avanzata dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici e nonostante la delibera del Consiglio dei Ministri del 12 luglio che nega “l’autorizzazione alla realizzazione di un impianto eolico nel Comune di Brisighella”. 

Del resto il nostro è il paese degli infiniti ricorsi…

Il Gruppo Astrofili Antares, che gestisce (proprietario e autofinanziatore) l’Osservatorio di Monteromano, ritiene tuttavia opportuno puntualizzare alcune verità che spesso vengono ignorate, se non travisate.

La Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici è un ente con svariate competenze, tra cui quella di tutela del paesaggio, competenza svolta in piena autonomia. Accusare la Soprintendenza di porre vincoli strumentali “alla sola limitazione di impianti eolici solo perché non graditi ai gestori dell’Osservatorio”, come sembra sostenere il Sindaco in un recente articolo (Resto del CARLINO, 07/09/2013), suona come un’offesa all’importante lavoro che la Soprintendenza stessa svolge quotidianamente. 

I vincoli paesaggistici sono ben noti e definiti da tempo; includono, tra i vari, una strada panoramica riconosciuta dalla Regione, un geosito e la contiguità alle aree protette di Natura 2000. 


Stupisce vedere come l’attuale amministrazione comunale di Brisighella caldeggi progetti eolici privati, che perseguono quindi privati interessi, non considerando i numerosi vincoli già presenti in quella zona

Tanto più che il vincolo proposto dalla Soprintendenza è ben lontano dal voler deprimere le attività produttive della zona, anzi il contrario. Nega solamente la possibilità di stendere filari di silicio tra i paesaggi incantati e di erigere torri alte decine di metri che con il loro sordo rumore faranno fuggire via la fauna locale, come già successo a Casoni di Romagna, nella valle del Sillaro. 

In ogni caso basta leggere il documento così come è scritto (vedasi link) in quanto non ha alcuna necessità di essere "interpretato" per essere compreso. 

L’Associazione Antares crede che il nostro bene più prezioso, il paesaggio, sia più importante delle speculazioni private di alcuni imprenditori che vedono il guadagno facile grazie agli incentivi pubblici.

L’Associazione Antares cerca solo di tutelare la propria attività didattica, di divulgazione e di ricerca che svolge da oltre 15 anni presso l’Osservatorio, una struttura unica nella Provincia e sostenuta nel recente passato dalla stessa amministrazione comunale.

Ben lungi dall’essere un “oggetto estraneo al contesto rurale e al paesaggio”, per usare le parole del Sindaco, l’Osservatorio Astronomico di Monteromano ogni anno ospita alcune migliaia di visitatori, che salgono lassù per godere della pace e della bellezza del luogo, nella contemplazione di un cielo ormai dimenticato in pianura. A dimostrazione, questo, di quanto la struttura sia integrata e in sintonia con la realtà in cui si trova. 

Ripagati dai continui apprezzamenti sull’attività dell’Associazione, siamo anche consapevoli che la presenza dell’Osservatorio sia uno stimolo non trascurabile allo sviluppo della zona, in stretto legame con la valorizzazione del territorio, del paesaggio e delle piccole economie locali.

Prof. Angelo Venturelli
Presidente pro-tempore del Gruppo Astrofili Antares
Osservatorio Astronomico di Monte Romano

A ulteriore documentazione si invita, chi desidera, alla consultazione del sito :http://www.no-eolico-monteromano.com/

sabato 24 agosto 2013

Simulazioni veridiche degli impatti ambientali

Vi facciamo vedere alcune delle prospettive (ottimistiche!) di quanto accadrebbe se gli scellerati ottenessero consensi.

Questo primo caso illustra la prima di TRE ipotizzate da altra società appositamente creata per disastrare il sito di Monte Romano ad appena 40 metri dall'osservatorio :

in caso di MINI EOLICO (a 40 metri dall'osservatorio!) e nell'ipotesi di altezza MINIMA (30 metri!)
In caso di installazione a 50 metri riuscite a immaginare?
mentre nel caso piùfamoso e all'ordine del giorno del GRANDE EOLICO ecco una prospettiva sempre ottimistica senza voler esaltare troppo il danno all'osservatorio... se lo inquadrassimo da un altro punto di vista può solo peggiorare.

Ipotesi ottimistica di impatto ambientale delle pale della PRO-EOLICO (75 metri al MOZZO)
Da notare la dimensione dei pali della linea elettrica (vicini alle torri) rispetto alle torri eoliche per comprendere le proporzioni !
L'anemometro vicino all'osservatorio vi fa vedere dove invece vorrebbero piazzare un'altra serie di pale cosiddette MINI EOLICHE... tanto per non danneggiare l'osservatorio e far progredire l' ITALIA... 
visuale reale dal piazzale dell'osservatorio! :-(

sabato 13 luglio 2013

PARERE DELLA GIUNTA REGIONALE 24-06-2013

Vedasi il link seguente :

PARERE DELLA COMMISSIONE REGIONALE DEL PAESAGGIO - DICHIARAZIONE DI NOTEVOLE INTERESSE PUBBLICO PAESAGGISTICO - MONTE ROMANO di BRISIGHELLA


Vi proponiamo a maggior informazione e trasparenza quanto appare sul sito della Regione Emilia Romagna :

Località Monte Romano a Brisighella, provincia di Ravenna

La proposta è stata presentata dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le provincie di Ravenna, Forlì-Cesena, Rimini ai sensi dell'articolo 136 comma 1, lett c) e d) del D.Lgs 42/2004 e s.m.i. Attivazione del procedimento art.141 del D.Lgs 42/2004 e s.m.i
L'area si colloca all'estremità sud-ovest della Provincia di Ravenna, ai confini con il comune di Casola Valsenio e la provincia di Firenze. Questo ampio contesto paesaggistico, che si distingue dal vasto intorno, si caratterizza come un insieme armonico, ricco di sfondi panoramici fruibili da diversi punti di vista.
27 maggio 2013